Il digitale non è un ripiego da quarantena: la lezione di un concerto con 756 mila paganti

Sezione off topics
Rispondi
Yuri Refolo
Messaggi: 26
Iscritto il: giovedì 1 agosto 2019, 19:04
Contatta:

Il digitale non è un ripiego da quarantena: la lezione di un concerto con 756 mila paganti

Messaggio da Yuri Refolo » giovedì 18 giugno 2020, 11:12

il-digitale-non-e-un-ripiego-da-quarantena-la-lezione-di-un-concerto-con-756-mila-paganti.jpg
il-digitale-non-e-un-ripiego-da-quarantena-la-lezione-di-un-concerto-con-756-mila-paganti.jpg (87.56 KiB) Visto 551 volte
"Ho visto il futuro dei concerti. Ed è online. Anche non online. Chiariamo: anche io non vedo l'ora di ricominciare ad assistere agli eventi dal vivo. Torneranno. Epperò nel frattempo faremmo male a rimpiangere il tempo che fu, perché il tempo che è potrebbe riservarci opportunità imprevedibili. Per esempio domenica scorsa c'è stato un concerto live, ma solo online, che ha letteralmente fatto la storia: lo hanno visto 756 mila 600 persone da 107 paesi che hanno pagato biglietti ad un prezzo variabile fra 26 e 35 dollari, generando un incasso di circa 20 milioni di dollari. Se si fosse svolto in uno stadio da 50 mila persone di capienza, non sarebbero bastati 15 concerti sold out per fare qualcosa di simile. Sul palco c'erano i Bts, conosciuti anche come Bangtan Boys, una band sud coreana che ha introdotto il genere K Pop negli Stati Uniti diventando il primo gruppo dopo i Beatles a ottenere quattro primi posti di fila nella classifica degli album più venduti. Insomma, se come me non li conoscevate, è il momento di farlo. Anche perché hanno davvero fatto qualcosa di storico: hanno aperto una strada per i concerti dal vivo online."

Leggi tutto qui:

https://www.repubblica.it/dossier/stazi ... 259519634/

Rispondi